BackHome/News/FIERA DI VICENZA E ANPAM SI ALLEANO E PRESENTANO "HIT"
11/06/2014

FIERA DI VICENZA E ANPAM SI ALLEANO E PRESENTANO "HIT"

La Manifestazione si svolgerà a febbraio 2015 presso il Quartiere Fieristico Vicentino. Un’infrastruttura all’avanguardia di 80mila mq ospiterà, tra gli altri, i top brand del comparto armi e munizioni per uso sportivo e civile, un settore che conta un giro d’affari di circa 8 miliardi di euro annui.

Fiera di Vicenza e ANPAM (Associazione Nazionale Produttori Armi e Munizioni Sportive e Civili, aderente a Confindustria) si alleano e presentano HIT, la nuova Manifestazione dedicata alle attività outdoor, caccia, tiro sportivo e law enforcement. Un Salone che, tra gli altri, ospiterà i top brand del settore armi e munizioni e che grazie all’expertise dei due organizzatori punta a diventare l’appuntamento più importante in Italia e in Europa per uno dei comparti produttivi strategici del Made in Italy. L’annuncio è avvenuto oggi, martedì 10 giugno, durante un incontro riservato alla stampa alla presenza di Matteo Marzotto, presidente di Fiera di Vicenza, e Nicola Perrotti, presidente di ANPAM. Ad ospitare il lancio di HIT - Hunting Individual protection e Target sports, il Museo Poldi Pezzoli di Milano, una delle più prestigiose case-museo in Europa, che tra le altre raccoglie preziose collezioni di arti decorative dedicate ad armi ed armature e il famoso “Tappeto di Caccia”.

HIT si svolgerà dal 6 al 9 febbraio 2015 nel Quartiere Fieristico Vicentino. L’alleanza tra Fiera di Vicenza, ai vertici delle società fieristiche italiane e business hub di profilo internazionale, e ANPAM, l’associazione di riferimento in Italia per le aziende del settore armi e munizioni, si propone di rendere la Manifestazione l’appuntamento europeo nel comparto. L’obiettivo è supportare lo sviluppo e il processo d’internazionalizzazione delle imprese, in uno dei settori più di rilievo del Made in Italy. Il mercato armiero italiano legato all’uso civile e sportivo presenta un alto livello di esportazione che supera l’80%. L’Italia è infatti il primo produttore europeo di armi sportivo-venatorie (con un volume di oltre 760.000 unità su base annua, che copre circa il 60% dell’intera offerta comunitaria, e 925.000 milioni di munizioni) ed è il più importante paese esportatore nel mondo di armi sportive, commerciali e munizioni, in particolare negli USA (circa 45%). Il giro di affari complessivo che ruota intorno al settore tocca gli 8 miliardi di euro l’anno con quasi 100.000 occupati.


HIT SHOW